Nelle classifiche risulta essere il terzo trattamento più richiesto in dermatologia e medicina estetica ed il secondo tra gli uomini, indovinate cos’è? L'”Irsutismo”, ovvero la crescita di peli in zone dove in genere non dovrebbero essere presenti, sta diventando un problema di grande impatto dal punto di vista sociale. Questo aumento di peli in genere avviene nella zona del labbro superiore, nella regione sternale, nella regione mandibolare, sul dorso e nelle areole mammarie (che nelle donne potrebbe anche rappresentare un sintomo di patologie sottostanti come per esempio la sindrome dell’ovaio policistico).

In medicina estetica esistono ormai tantissime proposte per attuare la depilazione di queste zone così variegate: la decolorazione, la rasatura, la depilazione a strappo o chimica, l’utilizzo di creme a base di eflornitina, oppure la terapia fotodinamica. Per l’epilazione vengono usati la luce pulsata, il laser, o l’elettrocoagulazione che rimane ad oggi l’unico metodo efficace per epilare i peli di color bianco.

Il principio su cui si basa l’epilazione laser è quello della fototermolisi selettiva, per cui utilizzando particolari lunghezze d’onda di luce, si può ottenere la necrosi termica e retrazione del bulbo pilifero, senza danni per l’epidermide. Per evitare comunque effetti collaterali e proporre trattamenti performanti va sempre eseguita una corretta anamnesi ed un attento esame obiettivo. Vanno infatti richiesti esami specifici ed indagata la storia generale del paziente.

Primariamente bisogna valutare il fototipo del paziente: il trattamento su pelle abbronzata infatti può risultare più rischioso e meno performante. Sono valutati anche il colore e lo spessore dei peli da trattare, la presenza di nei e di tatuaggi sulle aree interessate, che risultano essere sono tutti fattori che possono incidere sui risultati del trattamento. E’ opportuno programmare le sedute scegliendo il periodo dell’anno giusto , attendendo la scomparsa dell’abbronzatura o aiutandosi con uno scrub 2/3 volte a settimana e interrompendo le sedute qualche settimana prima di esporsi al sole per scongiurare la comparsa di spiacevoli iperpigmentazioni post-infiammatorie. E’ importante informare il paziente che l’epilazione definitiva non è un traguardo per tutti e che risulta semmai più opportuno parlare di “epilazione a lungo termine” dal momento che circa 80% dei pazienti risponde bene alla laser epilazione e che dopo sedute multiple la percentuale di peli persi può arrivare all ’80-89%.

Il numero dei trattamenti può essere variabile dalle 4 alle 12 sedute, solitamente. Al fine di ottenere il massimo dell’efficacia dal trattamento si consiglia di evitare l’epilazione a strappo almeno per 4-6 settimane precedenti la seduta laser: i trattamenti devono essere eseguiti in locali idonei osservando norme di sicurezza come occhiali fotoprotettivi. Dopo ogni trattamento solitamente si osserva la comparsa di eritema ed edema peri-follicolare, e in questo caso si possono applicare ghiaccio o creme lenitive sulla zona interessata.

In conclusione la laser-epilazione è oggi una metodica estremamente richiesta ed efficace che ottiene però la migliore performance solo valutando al meglio ogni singolo caso e scegliendo la tecnologia più opportuna.


= FARMACIA TACCONI = (unica sede)

🧭 Via di Prataporci n.4 – 00132 ROMA [incrocio lungo la Via Casilina]

🔗 http://www.farmaciatacconi.it
✉️ info@farmaciatacconi.it
📞 06 207 60 354

Iscriviti ORA gratis sul Canale Telegram OFFERTE e SCONTI della Farmacia:

=> 🔑 https://t.me/farmaciatacconi