Gli Omega3 possono essere considerati delle vere e proprie “perle di benessere”. L’attenzione sugli Omega3, preziosi nutrienti essenziali, è sempre più intensa: più di 40.000 studi in letteratura e la conseguente approvazione dell’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) per alcune indicazioni terapeutiche evidenziano l’importanza della loro assunzione giornaliera. Gli Omega3 sono acidi grassi polinsaturi essenziali che non possono essere sintetizzati dal nostro organismo direttamente, ma devono essere assunti con una dieta adeguata o con l’uso di integratori alimentari specifici.

Le fonti alimentari sono principalmente il pesce azzurro (merluzzo, sardine, sgombro, salmone e tonno) ma anche vegetali, alghe, semi di lino, legumi e frutti a guscio. In realtà la dieta non è quasi mai sufficiente a sopperire la quantità necessaria giornaliera di Omega3.

Questi nutrienti sono davvero fondamentali per la nostra salute cardiovascolare e cardiometabolica: fra le funzioni ufficialmente riconosciute, quelle di promuovere e mantenere la funzione cardiaca (con 250 mg di EPA e DHA/die) una normale pressione sanguigna (con 3g di EPA e DHA/die), una normale funzione cerebrale e visiva (con 250 mg di DHA al giorno).

Non dimentichiamo il ruolo fondamentale degli Omega3 (EPA ovvero acido eicosapentaenoico) e (DHA ovvero acido docosaesanoico) durante la gravidanza, sia per evitare complicanze e parti prematuri, sia per favorire un normale sviluppo fetale (bastano 200 mg di DHA al giorno), da sommare alla quota giornaliera di Omega3 raccomandata per un adulto. Ambiti ancora non ufficialmente riconosciuti dall’EFSA sono quelli che consigliano di prendere gli Omega 3 in situazioni come l’infiammazione, la menopausa, lo sport, l’obesità, la dermatologia, la depressione, solo per citarne alcuni.

EPA e DHA hanno effetti antinfiammatori inibendo la chemiotassi leucocitaria e promuovendo la produzione di Resolvine, molecole coinvolte nei processi di feedback negativo dell’infiammazione. La maggior parte delle evidenze sono riferite all’artrite reumatoide: i risultati concordano nel sottolineare i miglioramenti clinici a seguito di assunzione di EPA e DHA nella riduzione del dolore, diminuendo così l’uso di farmaci antifiammatori e con un miglioramento della rigidita’ mattutina. Gli Omega3 sembrano poi portare benefici nel morbo di Crohn con una diminuzione dell’uso di corticosteroidi e un miglioramento istologico della mucosa intestinale.

Numerosi studi hanno valutato l’utilizzo di Omega3 nella dieta degli sportivi evidenziandone i benefici aumentando la resistenza e migliorando le prestazioni aerobiche. Gli Omega migliorano la funzionalità polmonare degli atleti durante allenamenti intensivi e sono utili nel prevenire fenomeni di broncospasmo da esercizio. L’assunzione di Omega3 contribuisce a rinforzare l’integrità e la funzionalità cutanea e sembra essere d’aiuto nella riduzione della componente infiammatoria in patologie come acne, psoriasi e dermatite atopica.

#farmaciafinocchio #farmaciaborgatafinocchio #farmaciaborghesiana #salute #farmaciaromasud #farmacia #farmaciaroma #farmacie #farmaciavermicino #farmaciatacconi #farmaciamaurotacconi #farmaciadrmaurotacconi #farmaciaviacasilina #farmaciaditurno #farmaciaborgata #farmaciaquartiere #farmaciametroc #farmacialungoviacasilina #farmaciasalute #farmaciabenessere